sabato 16 giugno 2012

Lezioni di cucito dal libro della nonna 45. TAGLIARE TESSUTI SPECIALI. seconda parte


SCOZZESI REGOLARI E IRREGOLARI

Ma cos’è per definizione un tessuto scozzese?
Uno scozzese, Tartan, è un disegno a strisce colorate, tessute o stampate, che si incrociano ad angolo retto. Esitono scozzesi regolari e irregolari e questo è importante valutarlo prima di acquistare la stoffa perché influisce sulla scelta del modello e sulla metratura necessaria. Una zona delimitata da quattro lati, nella quale le strisce colorate formano un disegno completo, è chiamata motivo. Per capire se uno scozzese è regolare o irregolare bisogna piegare a metà un motivo, prima su un lato e poi sull’altro. Esso è regolare quando le strisce e gli spazi sono identici in ogni direzione.
Con gli scozzesi regolari si lavorano bene i capi con apertura o cuciture centrali e anche quelli tagliati in sbieco. Lo scozzese irregolare richiede più attenzione quando si dispone il cartamodello. Se è irregolare sull’altezza i pezzi vanno disposti tutti rivolti nella stessa direzione; quando è irregolare nella lunghezza, il motivo ricorrente non ha un centro, perciò si può disporre da sinistra a destra e viceversa, ma sempre nella stessa direzione. Evitare i modelli con cuciture centrali o maniche kimono o raglan. Quando lo scozzese è irregolare in ambedue le direzioni valgono le stesse considerazioni fatte per gli scozzesi irregolari in lunghezza.






TESSUTI DIAGONALI

Nei tessuti a trama diagonale come il Twill o il Gabardine, le coste sono appena visibili, in altri sono invece ben delineate. I primi si lavorano come fossero tessuti qualsiasi, con i secondi, e includiamo anche i tessuti diagonali stampati, dobbiamo scegliere accuratamente il modello adatto. Bisogna sicuramente evitare i capi con cuciture centrali, lunghe pince diagonali, gonne svasate a teli e scollature a punta.
I tessuti diagonali si tagliano su uno strato singolo di tessuto, ciascun pezzo del modello si appunta una volta con le scritte verso l’alto e l’altra con le scritte verso il tessuto. Fa eccezione il tessuto a due diritti, in questo caso tutte le parti del capo si possono tagliare appoggiando i modelli rivolti sempre verso l’alto e poi si capovolge la metà tessuto tagliato. 





TESSUTI STAMPATI INSOLITI

Un tessuto con un motivo grande richiede un’accurata disposizione dei modelli. Un motivo preciso, come una losanga, deve essere centrato e accoppiato, come si fa per lo scozzese. Un motivo irregolare, come nei tessuti indiani, non deve necessariamente essere accoppiato ma bilanciato. Qualunque sia il disegno si devono ridurre al minimo le cuciture e i particolari complicati. Se il vestito ha cuciture centrali, i motivi possono essere messi l’uno di fronte all’altro a uguale distanza dal centro. Come regola però si cerca di ottenere un equilibrio asimmetrico che è molto più piacevole. (vedi figura) In ogni caso non sistemare i motivi mai sul seno ne sui fianchi !! Bisogna anche fare attenzione a mettere i pezzi del modello sempre nella stessa direzione perché i disegni grandi hanno solitamente un verso.
*Ci sono anche le stoffe con il bordo stampato, cioè un disegno che corre lungo uno dei due bordi della lunghezza. Questo viene usato più comunemente come bordo sull’orlo del vestito, ma in certi capi può essere bello farlo correre in direzione verticale in ambedue i lati del centro dietro.




Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento