venerdì 19 ottobre 2012

Come faccio senza il mio Trench?

Anche quest'anno è arrivato il tanto odioso momento del cambio dell'armadio.
Con il sopraggiungere delle prime giornate autunnali, arriva inevitabile anche la giornata del riordino dei vestiti, con il suo avanti e indietro dall'armadio allo sgabuzzino, quel momento tanto triste  in cui dobbiamo a malincuore dire ciao ai vestiti estivi per fare spazio a quelli invernali, così troppo pelosi, scuri e ingombranti. 
Non so spiegarvi perché, ma di fronte a questo tedioso appuntamento, io vado ogni volta in crisi; inizialmente non c'è niente che mi piace delle vecchie cose che avevo impacchettato, per giorni e giorni non so mai cosa mettermi, esco ed ho troppo caldo o, peggio, troppo freddo, mi ritrovo sull'uscio avvolta in abbinamenti imbarazzanti, per non dire orribili, mi innervosisco, mi sento una incapace di crescere e sogno una giornata di shopping a budget illimitato, dopo la quale tornei a casa e mi sbarazzerei finalmente di tutti questi vecchi stracci.
Mi sfogo, fantastico e poi mi chiedo se, dopo averlo rimpiazzato, rimpiangerei il vecchio maglione con i buchi che uso ormai da chissà quanti anni, probabilmente si.
Quest'anno sistemando la questione giacche mi son detta " Cri basta, ora quel trench da "Ispettore Gadget" non lo tiri più giù, per quest'anno lo lasci riposare nell'angolo e ti metti qualcos'altro. Ecco, ad esempio, questa bella giacchetta in lana blu, che praticamente non hai usato mai, con una cintura in vita ti starà benissimo!!" 
E' passata una settimana e il mio trench mi manca da impazzire.... come faccio senza il mio trench, compagno inseparabile di mille mezze stagioni. 
E così ho deciso che a dispetto dei buoni propositi nei confronti dell'innocente giacchetta blu, io non solo lo prendo e lo metto, ma gli dedico anche un bel post. Perchè di cose da dire appropostito di un Trench coat ce ne sono davvero tante. Un trench non è mica una giacca qualsiasi, il mio poi è un trench vintage che mi calza a pennello, che mi segue da anni e che mi piace da impazzire !!!!!!!



La storia del Trench o cappotto da trincea, è lunga e molto interessante.
Nacque nel 1901 quando il Ministero della Guerra Inglese ordinò un modello, a metà strada tra l'impermeabile d'ordinanza e il cappotto militare, alla ditta Burberry.
Thomas Burberry cercò um materiale che permetteva di creare un indumento confortevole e che riparasse da pioggia, vento e freddo. I suoi studi lo portarono alla nascita della Gabardine, un tessuto composto da fili così stretti in grado di proteggere molto dall'umidità, che poi lui rivestì con una formula segreta che lo rese impermeabile e il successo fu immediato, gli ordini affluirono, a iniziare proprio dall'esercito inglese. Di ritorno dal fronte, i soldati continuarono a portare il trench, che divenne così un indumento della vita civile.


Il trench è un cappotto impermeabile, generalmente lungo fino ai polpacci, precisamente qualche centimetro sotto il ginocchio, da non confondere con lo spolverino che è invece un soprabito lungo fino alle caviglie, leggero, con maniche abbondanti e collo pronunciato, alto, abbottonato, adatto a riparare dal vento e dalla pioggia. Il trench ha attraversato anni e mode, conservando la sua forma iniziale: ha il taglio a doppiopetto, le spalline, la fodera tartan, la baschina, che è la piccola mantella corta sulle spalle che aiuta a ripararle maggiormente dal freddo, la falda triangolare di stoffa sul davanti che, sovrapponendosi all'allacciatura, permette una chiusura migliore, maniche restringibili intorno ai polsi per mezzo di cinturini con fibbie, cintura e lungo spacco posteriore chiudibile con un bottone. Il colore classico è il kaki.
Il trench è un evergreen che ha saputo attraversare le epoche senza mai passare di moda. Utilizzato moltissimo anche dalle donne, è uno dei primi capi presi in prestito dal guardaroba maschile.
Fu proprio Greta  Garbo a lanciare la moda del trench foderato di lana con disegno scozzese, che la diva indossò nel 1928 sul set di Destino. Da allora divenne un vero must per ogni donna con stile.
Il vero boom sul grande schermo lo si ebbe negli anni '40, con l'affermarsi del genere noir o poliziesco. Le più grandi star del cinema lo resero immortale in film considerati vere e proprie pietre miliari, pensiamo a Humphrey Bogart in Casablanca al fianco di Ingrid Bergman, è proprio così che divenne indissolubilmente legato all'immagine dell'investigatore privato. Bogart girò poi un altro capolavoro del genere giallo "Il grande sonno" ( io ho adorato il romanzo) nel panni del celebre detective Philip Marlowe che vestiva appunto l'impermeabile inglese.
Negli anni '60 Marilyn Monroe elevò il trench ad indumento estremamente sensuale, indossandolo allacciato in vita, durante le riprese di Facciamo l'amore di George Cukor e  poi, indimenticabile, arrivò Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany.
Nel 1963 Peter Sellers indossò il trench nei panni del mitico ispettore Clouseau in La pantera Rosa, mentre Brigitte Bardot la vedemmo sulle rive del Tamigi nei panni di una spia doppiogiochista con indosso un trench bianco, nel film Un adorabile idiota. E vorrei concludere con la splendida Anna Karina, simbolo della Nouvelle Vague, diretta da Godard in Una storia americana, anche lei con indosso il classico trench color kaki.





Detto questo, evviva il mio trench, oggi è una splendida giornata di sole, lo prendo dallo sgabuzzino, lo indosso ed esco felice.


2 commenti:

  1. Ce l'avevo anche io, nero, l'ho eliminato (pentendomi poi per qualche anno), perché in realtà era di un paio di taglie più grandi, non ero molto sexy.. Ne vorrei di nuovo uno, ma ho altri cappottini e giacche che vorrei eliminare, uno in più non mi serve.
    E quello che arriva poco sotto la vita, con cintura, come si chiama? Adesso ho anche uno di quelli, che uso raramente..
    Però conosco la sensazione: ho gli anfibi, ho un vecchio pantalone di una tuta, ho un maglione che non abbandonerei mai! :)

    RispondiElimina
  2. hehe... il problema che ci si affeziona anche ad una giacca !!

    RispondiElimina